Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalita` e per inviarti pubblicita` e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all`uso dei Cookie?

Il mondo TV


Condividi questo articolo:

Ascoltare bene la TV e godere di un grande suono 


 

Tutti noi amiamo sederci in poltrona per godere di un bel Film, per seguire la nostra squadra del cuore o anche solo per ascoltare le ultime notizie. Nel farlo, soprattutto se ci siamo dotati di un TV ultima generazione, avremo forse già notato che, per quanto le immagini siano spettacolari, il suono che ci arriva è povero e del tutto inadeguato allo scopo

TV a schermo piatto : suono povero

 

I televisori negli ultimi anni sono diventati sempre più grandi e sottili, con immagini mozzafiato e coinvolgenti. Ma cosa è accaduto al suono? Di pari passo con l’assottigliamento del nostro televisore la capacità dello stesso di suonare è venuta via via meno, ed il risultato è presto detto.
 
 
 
Il nostro nuovo schermo ultrapiatto si vede bene e suona male. Molto male. 
 
 
Questo fatto è talmente evidente che tutti i produttori di TV si sono prodigati a produrre ed offrire soluzioni a questo conclamato problema. Basta sfogliare qualche volantino per trovare un numero di offerte di audio complementari al televisore

 

Perchè i TV a schermo piatto suonano male

 

Ma vediamo come mai i nuovi schermi suonano così male e come possiamo porvi rimedio. Il motivo è molto semplice : all’interno del televisore, ormai quasi ridotto ad un sottile foglio di LED, non c’è spazio per null’altro, e certamente non per degli altoparlanti che possano riprodurre il suono che le immagini, così reali, vorrebbero trasmetterci. 

Gli altoparlanti interni di un moderno TV sono sostanzialmente la versione potenziata di quelli che avete nel vostro telefonino o tablet, chiamati tweeter, totalmente incapaci per pure leggi di fisica e meccanica di emettere suoni nitidi o completi nelle varie frequenze.

Può un diffusore audio grande quanto un tappo di bottiglia trasmettere una canzone? Un’esplosione? Un’emozione? 



Puoi trovare approfondimenti su questo tema nel nostro BLOG e nella Zona Risorse



Migliora il suono del tuo TV : altoparlanti per TV

Come fare in modo di ottenere un suono chiaro, una voce cristallina, una musica coinvolgente, un sonoro da film da azione? Bene, è necessario dotarsi di altoparlanti dedicati, esterni al televisore. 

Ma quanti e quali tipi di altoparlanti possiamo abbinare al TV? Le possibili scelte sono in ultima analisi tre:

    1. un paio di diffusori da posizionare ai due lati del televisore : chiamiamoli SISTEMA STEREO
    2. un singolo diffusore da posizionare sopra o sotto il televisore, sempre in posizione centrale : chiamiamola SOUNDBAR
   3. un sistema completo di altoparlanti, tipicamente - ma non necessariamente -  formato da 5 unità : chiamiamolo SISTEMA HOME CINEMA


Decidere quale fra le tre tipologie farà al caso nostro richiede alcune precisazioni e riflessioni relative ai seguenti 4 temi:

    1. Utilizzo del TV : chiamamolo DESTINAZIONE D’USO
    2. Tipo di risultato sonoro : chiamiamolo RESA ACUSTICA
    3. Impatto estetico :  chiamiamolo FATTORE DESIGN 
    4. Difficoltà di installazione : chiamiamolo COMPLESSITA’


Approfondiamo dunque le tematiche: scopriremo che decidere cosa fa per noi è più facile del previsto poichè saremo guidati verso una delle tre tipologie di soluzioni audio




Criteri per scegliere il nostro sistema audio per TV

 

1. DESTINAZIONE D'USO del TV

Con le dovute generalizzazioni possiamo distinguere tre diversi utilizzi del TV, e indirizzare verso quelle che sono le soluzioni più comunemente adottate per migliorare la propria esperienza:
  1. Utilizzo leggero, notiziari, talkshow, miscellanea
  2. Utilizzo appassionato, film, sport,  videoclip, musica
  3. Gaming e videogiochi

La visione leggera può trarre grande beneficio da un sistema stereo, in alternativa da una soundbar.
La visione appassionata richiede una buona soundbar con subfoofwer o, meglio se possibile, un sistema home cinema.
L’utilizzo di videogiochi e moderne consolle come Xbox ONE o PS4 richiede un sistema home cinema



2. RESA ACUSTICA delle soluzioni audio per TV

Benchè tutte e tre le soluzioni paventate portino un netto miglioramento all’audio del TV, la resa o efficacia varia molto. Ecco come.

Un sistema stereo cerca di riprodurre da due diversi altoparlanti, con la maggiore fedeltà possibile, il suono proveniente dal TV. La caratteristica principale di questa soluzione è la chiarezza, ed è indicato quindi per chi desidera comprendere meglio il parlato di trasmissioni o film. Senza eccedere con il volume, tutto apparirà più chiaro e comprensibile e il suono risulterà più ampio e spaziato.

Una soundbar porta benefici analoghi a quelli di un sistema stereo con una principale differenza. La fedeltà della riproduzione stereo (cioè che proviene idealmente da due altoparlanti diversi) è leggermente sacrificata poichè per ragioni di ingombri tutto il suono proviene da un unico corpo compatto.

Un sistema home cinema arriva dove gli altri sistemi non possono. Ereditando i benefici dei precedenti sistemi, l’home cinema porta la dimensione dello spazio e della immersività all’ambiente domestico. Un film d’azione ascoltato con l’audio della TV o con un sistema home cinema porta con se due impatti emozionali diversi.

Questo fatto, apparentemente leggero, cela in realtà l’enorme potenziale che questi sistemi possono rivelare. Grazie a diversi altoparlanti dislocati nell’ambiente, ed al fatto che ormai ogni forma di intrattenimento TV sia creata pensando ad un audio home cinema o multicanale, con un sistema home cinema non stiamo più solo vedendo la televisione ma siamo al centro dell’azione
 

3. FATTORE DESIGN
 nelle soluzioni audio per TV

Le tre soluzioni proposte hanno ingombri intrinsecamente diversi anche se ormai ognuna di esse è declinata, da tutti i principali produttori, in svariate forme.

Un sistema audio stereo per TV può essere molto compatto, constando di due soli altopalranti attivi oppure di due altoparlanti passivi collegati ad un piccolo amplificatore, a sua volta collegato al TV.  Vediamo con una semplice grafica. Tipicamente questi altoparlanti (o l’amplificatore in caso di diffusori passivi) sono collegati al TV tramite un moderno cavo HDMI o altro cavo digitale ottico come il Toslink. I non addetti non si spaventino, sono connessioni ormai presenti sulla quasi totalità dei TV.

Una soundbar è a sua volta una sistema che possiamo definire compatto: un unico corpo, per lo più cilindrico o quasi, diciamo quasi un “siluro”, nel quale trovano alloggiamento diversi altoparlanti e tecnologie di connessione. E’ una tipologie di diffusore nata in tempi recentissimi, proprio in risposta all’impoverimento audio dei recenti TV. Come nel caso del sistema stero, anche la soundbar - o barra sonora - sarà invariabilmente collegata al TV mediante i medesimi cavi.      

Il sistema home cinema per sua natura è composto da diversi elementi, con relativa valutazione degli ingombri, ma ancora più della disposizione. Un sistema 5.1 è ritenuto il gradino d’ingresso, potendo poi il sistema evolvere verso 7.1 o sistemi ancora più completi e complessi la cui analisi esula dalle finalità di questa guida.

Un sistema 5.1 è composto da cinque altoparlanti (5) più un subwoofer (.1) dedicato alle basse frequenze. La disposizione classica vuole un altoparlante posto sotto il TV, due posti alla destra ed alla sinistra dello stesso ed infine gli ultimi due ai lati (o se possibile dietro) lo spettatore. A tutto questo si aggiunge il subwoofer, sostanzialmente uno scatolotto delle dimensioni (molto variabili) di una cassetta d’acqua e che può essere posizionato a piacere, anche nascosto dietro ad un mobile.


Gli altoparlanti posso essere tutti uguali o differenziati. Ne esistono in commercio di diverse forme :

  • sistemi audio compatti, con altoparlanti piccoli anche come mele
  • sistemi audio ultrasottili, con diffusori molto eleganti e che presentano spessore ridotto
  • sistemi audio di design, pensati per trovare spazio nei più moderni alloggi
  • sistemi audio performanti con diffusori differenziati - più grandi davanti, più piccoli dietro


Quale che sia la nostra predilezione in termini di suono, andrà qui preso in considerazione che “diversi oggetti” entreranno in salotto

 




 


4. COMPLESSITÀ DI INSTALLAZIONE delle soluzioni audio per TV

Collegare un sistema stereo per TV è molto semplice. Se gli altoparlanti sono attivi, ovvero amplificati, basterà collegarli alla presa elettrica ed al TV stesso tramite cavi digitali (HDMI, ottico o coassiale) o analogici, a seconda del modello di diffusore e TV.

Naturalmente andranno preferiti cavi per segnali digitali. Nel caso di diffusori passivi, e che abbisognano quindi di un amplificatore, quest’ultimo andrà collegato al TV mediante i cavi citati ed agli altoparlanti mediante più o meno comuni cavi di potenza, che altro non sono che cavi di rame. Possono qui essere anche utilizzati comuni fili elettrici ma si consiglia di adoperare cavi pensati per trasmettere audio.

Una soundbar richiede il solo collegamento - a seconda del marchio e modello - di un cavo HDMI o altro cavo digitale ottico o coassiale. Raccomandiamo di verificare prima dell’acquisto quali connessioni abbia il vs TV e quali la sounbar che intendere acquistare. Alternativamente alcuni modelli hanno una connessione wireless verso il TV ovvero non richiedono di collegare nessun cavo. La comodità è grande, gli unici limiti sono la robustezza del collegamento wireless, che talvolta è “tremolante”, le possibilità di accoppiate che sono molto ristrette (stesso marchio di TV e soundbar e spesso anche, all’interno del marchio, specifici modelli di televisori con specifici modelli di soundbar).

Un sistema home cinema richiede qualche valutazione in più. Fra il TV e gli altoparlanti sarà sempre necessario un amplificatore, che invierà il suono ai vari diffusori.

Il cavo di collegamento fra televisore e amplificatore è sempre lo stesso usato nei sistemi stereo o con le soundbar. Quello che cambia drasticamente qui è il collegamento fra l’elettronica ed i diversi diffusori che, per definizione, non sono tutti contigui al TV ma, almeno nel caso degli altopalranti posteriori, anche molto distanti.

Se il collegamento amplificatore-diffusore è di per sé banale (il solito cavo di potenza, AKA “cavo di rame”) portare i fili ed i diffusori nella giusta posizione può non esserlo.

In sotanza, se l’ambiente non prevede già delle canaline ove far scorrere i cavi, sarà necessario stendere delle tratte di cavo che vanno dall’elettronica sino ad ognuno dei diffusori. Esistono in commercio piattine molto sottili che possono soccorrere chi non ha canaline nei muri e non vuole vedere antiestetiche canaline di plastica correre lungo le pareti

 


Complessità e resa : una i
nfografica
 può aiutare




Puoi trovare approfondimenti su questo tema nel nostro BLOG e nella Zona Risorse